Tlc: studio Wik promuove il modello Open Fiber

Dagli operatori "wholesale only" vantaggi per la concorrenza

Solutions Manager
  • Dagli operatori "wholesale only" vantaggi per la concorrenza
  • (ANSA) - BRUXELLES, 25 NOV - L'introduzione del modello "wholesale only" nelle tlc è una delle soluzioni con più vantaggi per spingere lo sviluppo delle reti in fibra in Italia, dove l'attività di Open Fiber ha messo in luce i benefici di questo tipo di operatori "in termini di concorrenza, neutralità e apertura". E' quanto emerge da uno studio commissionato da Open Fiber a Wik, think-tank tedesco e consulente della Commissione Ue in tema di tlc.
        Il modello wholesale only è "molto attraente per gli investitori infrastrutturali, che sono alla ricerca di iniziative focalizzate esclusivamente sulla costruzione di nuove reti ad altissima capacità neutrali", spiega lo studio, sottolineando come questi operatori possono contare sul fatto di "non avere interessi confliggenti sul mercato retail", elemento che li rende "aperti a tutti gli attori interessati" a utilizzare le nuove infrastrutture "senza alcuna discriminazione".
        Al contrario, sostiene l'analisi, gli operatori verticalmente integrati "non possono garantire pienamente la non discriminazione nei confronti degli altri operatori anche nei casi più radicali di separazione" e, se possiedono una rete legacy in rame, come nel caso degli incumbents, "difficilmente" avranno "gli stessi incentivi a costruire nuove reti" rispetto agli operatori wholesale-only.
        Lo studio sottolinea anche l'importanza della tecnologia Ftth impiegata da Open Fiber per centrare gli obiettivi climatici e ambientali Ue. La fibra è "più efficiente dal punto di vista energetico rispetto al rame e al cavo coassiale" e, secondo stime citate da Wik, una transizione completa delle reti esistenti al Ftth comporterebbe un risparmio di emissioni di gas serra fino all'88% per bit. Inoltre, la capillare disponibilità di reti Ftth consentirebbe "un maggiore ricorso al telelavoro, con una conseguente diminuzione del traffico pendolare e del relativo inquinamento". (ANSA).