Moda: Kitajima e Vickers firmano campagna Prada Resort

Rilettura classicismo nei ritratti dei due maestri fotografia

Solutions Manager
  • Rilettura classicismo nei ritratti dei due maestri fotografia
  • (ANSA) - ROMA, 14 NOV - Celebrazione del valore del quotidiano nella nuova campagna Prada Resort 2020 che propone una visione alternativa sul classicismo, adottando la semplicità come ribellione, ricercando lo straordinario nell'ordinario e la novità nella familiarità. Una nuova prospettiva cercata da un lato, attraverso gli scatti del fotografo giapponese Keizo Kitajima, noto fin dagli anni '70 per lo stile dinamico e reale della sua fotografia di strada, dall'altro, con le immagini del newyorkese Drew Vickers, conosciuto per i suoi ritratti composti, calmi ed eleganti, che mettono delicatamente in risalto la quiete e la dolcezza dei soggetti. Le fotografie diventano espressione del sentimento della collezione, un ritratto della moda e dei modelli stessi. Qui i modelli sono in movimento, calati nella viva realtà, ognuno con un mazzo di fiori avvolto dalle immagini di campagna. Non più un'immagine statica e distante che appare sulle riviste o sullo schermo di un computer, la campagna Prada Resort 2020 si integra nella vita di tutti i giorni, sovvertendo le convenzioni e abbattendo le barriere. Nelle città di Milano, Londra, Mosca, New York, Parigi, Shanghai e Tokyo presso chioschi di fiori, bouquet profumati sono avvolti dalle immagini di campagna. Nelle immagini un insieme di volti maschili e femminili, nuovi e familiari, provenienti da diversi contesti. Freja Beha Erichsen, Lexi Boling e Sara Blomqvist sono affiancate da Stella Jones, Xiao Wen Ju, Xara Maria, Vik Nahishakiye, Ashley Radjarame, Kyla Ramsay, Toni Smith, Qun Y, Freek Men e Yang Hao. (ANSA).