Setien: 'Messi? Ha lato difficile da gestire'

Chiacchierata con Del Bosque dell'ex tecnico blaugrana

Solutions Manager
  • Chiacchierata con Del Bosque dell'ex tecnico blaugrana
  • "Messi? È il migliore di sempre ma è difficile da gestire": parola di Quique Setien in una chiacchierata con Vicente De Bosque pubblicata oggi su El Pais.
        L'ex tecnico del Barcellona parla per la prima volta dopo il suo esonero l'estate scorsa all'indomani del disasrtoso 2-8 contro il Bayern Monaco in Champions league. Setien parla dei suoi otto mesi sulla panchina blaugrana definita "straordinaria" e anche di Leo Messi.
        "L'esperienza al Barcellona è stata straordinaria - le parole di Setien - ho avuto l'opportunità di vivere qualcosa di unico.
        Dissi ai giocatori che non ero mai stato in uno spogliatoio come quello, che ero con i migliori giocatori del mondo".
        Setien ha parlato con De Bosque della difficoltà ad allenare Messi. "È il migliore di sempre. Ci sono stati altri grandi calciatori, ma la continuità che ha avuto lui nel corso degli anni non ce l'ha avuta nessuno, neanche Pelè - le parole dell'ex tecnico blaugrana - ma c'è un altro lato, che non è quello del calciatore, che è più complicato da gestire. Molto più complicato. Un qualcosa che si vede in molti atleti".
        È molto riservato - aggiunge Setien parlando dell'argentino - ma ti fa capire quello che vuole. Non parla molto, ma con lo sguardo ti dice tutto. Dopo il mio addio ho capito che in certi momenti avrei dovuto prendere altre decisioni, ma c'è qualcosa che conta più di te stesso: il club. E conta più del presidente, dei giocatori e del tecnico. Il club e i tifosi, a cui devi portare rispetto. E ci sono milioni di persone che pensano che Messi sia più importante del club e dell'allenatore. Perchè è uno che in 14 anni ha fatto vincere loro qualsiasi cosa. Ma la verità è che ci sono calciatori complicati da gestire e Leo è uno di quelli. È il migliore di sempre e chi sono io per cambiarlo?".
        Setien parla anche della debacle contro il Bayern: "mi ha danneggiato, passi alla storia del Barça con quella sconfitta.
        Ho la la mia percentuale di colpa ma poi ho scoperto che la decisione era già stata presa prima del 2-8".