Scaloni, ho diritto di chiamare Messi e farlo giocare

CT Argentina, 'ma capisco Psg, è un problema di calendari'

Solutions Manager
  • CT Argentina, 'ma capisco Psg, è un problema di calendari'
  • (ANSA) - BUENOS AIRES, 11 NOV - "Leo sta bene, si è allenato mentre in precedenza aveva lavorato in modo progressivo, ovvero facendo differenziato nei primi giorni. Ma adesso è a disposizione e se confermerà di esserlo anche nella rifinitura già sapere cosa penso sulla sua presenza".
        Alla vigilia della sfida della sfida delle qualificazioni mondiali a Montevideo contro l'Uruguay, il ct dell'Argentina Lionel Scaloni annuncia la presenza in campo di Lionel Messi, a meno di imprevisti dell'ultima ora. Ma come la prenderanno il Psg e il suo dirigente Leonardo? "Abbiamo buoni rapporti con con Leonardo - la risposta di Scaloni - e poco fa ci ha parlato Walter Samuel (che fa parte dello staff tecnico dell'Albiceleste ndr). Io capisco la loro posizione, per quello che succedendo con queste date e per ciò che è stata la Coppa America. Per i club si tratta di molti viaggi a cui vengono sottoposti i giocatori chiamati in nazionale di questo si dovrà discutere con la Fifa". "Ogni volta la stagione comincia, e quasi subito i giocatori se ne vanno - dice ancora il ct dell'Argentina -, e quando poi entra in forma se ne va di nuovo: è un problema di calendari. Quindi capisco il Psg, ma non si può mettere in dubbio il nostro diritto di convocare Messi, e di farlo giocare se è disponibile". (ANSA).