Pogba a un bivio, comunque è stop di 2 o 3 mesi

La scelta tra i Mondiali e la chirurgia. Allegri guarda al Real

Solutions Manager
  • La scelta tra i Mondiali e la chirurgia. Allegri guarda al Real
  • Paul Pogba è ad un bivio, è questa la novità che arriva dai primi consulti medici cui si è sottoposto, che non sembrano però dare speranza di vederlo in campo prima di due, se non tre mesi. Le strade per il francese infatti sono due. La prima potrebbe prevedere uno stop di un paio di mesi, asportando il frammento di menisco rotto e avere la possibilità di andare al Mondiale. Ma con il rischio che l'articolazione possa dare altre problematiche in un futuro nemmeno così lontano. La seconda finire sotto i ferri per un intervento chirurgico di cucitura con un ginocchio "quasi nuovo" e un rientro che però avverrebbe dopo almeno tre mesi. Queste le chance prospettate dai medici al francese dopo le visite in giro per l'Europa, mentre adesso è il momento delle riflessioni in attesa della decisione definitiva. Pogba e lo staff medico studiano il da farsi, in ogni caso sarà una tegola per il tecnico Massimiliano Allegri, che aveva appena riabbracciato uno dei suoi pupilli, in uno dei colpi di mercato dell'estate. Ma è soltanto l'ultimo dei tanti problemi fisici accusati dal francese dai tempi del Manchester United ad oggi: tra cause muscolari e traumatiche, il Polpo ha saltato ben 72 partite con la maglia dei Red Devils. E adesso bisognerà aggiungere anche tutte quelle alle quali non potrà partecipare con la Juve, anche se al momento non si hanno certezze definitive sui tempi di recupero. Per Allegri, dunque, è già arrivato il tempo di dover fare i conti con l'assenza di Pogba, mentre la sua squadra si avvicina a salutare l'America. Già, perché nella notte tra sabato e domenica ci sarà l'ultima amichevole della tournée negli States: i bianconeri affronteranno il Real Madrid nella cornice del Rose Bowl di Pasadena, in California. E dopo la vittoria contro il Deportivo Guadalajara e il pareggio contro il Barcellona, il tecnico spera di vedere altri miglioramenti. Il livello dell'avversaria si alzerà ulteriormente, i Blancos sono reduci da una stagione da incorniciare: Carlo Ancelotti, tornato in Spagna dopo l'esperienza tra il 2013 e il 2015, è riuscito al primo colpo a conquistare Liga e Champions League. Sul fronte bianconero però scalpita il bomber Vlahovic. "State tranquilli se non lo avete ancora visto, sabato contro il Real sarà pronto" prometteva Allegri dopo il 2-2 contro il Barcellona. E il momento del serbo, finalmente, sta arrivando: il tecnico lo vuole vedere all'opera con Di Maria, il giocatore sta provando ad affinare l'intesa con il Fideo durante gli allenamenti. In partita però sarà tutta un'altra cosa, e Vlahovic ha una voglia incredibile di cominciare la nuova stagione, la prima per intero con la maglia della Juve addosso.