Palermo, Baldini: 'Mi godo la festa ma penso alla A'

La gioia del tecnico il giorno dopo la promozione in B

Solutions Manager
  • La gioia del tecnico il giorno dopo la promozione in B
  •  "Mirri è un tifoso, ha vissuto la festa da tifoso, si è buttato a mare e ha fatto il bagno insieme ai giocatori, ai tifosi e poi tutti insieme stamattina hanno fatto colazione. È una bravissima persona, sono contento che possa cedere il Palermo in B e non in C e possa decidere cosa voglia fare in questa trattativa". Così l'allenatore del Palermo Silvio Baldini ha raccontato la notte di festa del Palermo e del presidente del club rosanero Dario Mirri dopo la promozione in serie B centrata ieri sera e nei giorni che potrebbero precedere il closing con il City Football Group.
        L'allenatore del Palermo ha tenuto una conferenza stampa parlando per un'ora di fila e ripercorrendo tutte le tappe di una stagione iniziata con l'ingaggio il 23 dicembre in sostituzione dell'ex allenatore Giacomo Filippi. "Il nostro non è mai stato un rapporto presidente-allenatore - ha sottolineato Baldini - ma fra persone normali. Mi ha sempre messo a mio agio, anche quando mi invitava a mangiare a casa sua". La festa del Palermo non si è esaurita con la notte del post partita. Oggi pomeriggio la squadra farà un giro per le vie della città con un pullman scoperto, con partenza dallo stadio alle 19, per ricevere un altro abbraccio da parte dei tifosi. A proposito del suo futuro Baldini, che automaticamente con la promozione in B ha fatto scattare la clausola del rinnovo di contratto, ha detto che poco gli importa delle questioni burocratiche. "Intanto continuerò a vivermi questa gioia nei prossimi giorni - ha spiegato - sono convinto che se possiamo lavorare in un certo modo questa è una storia che non è finita. Lo metto per iscritto che se non è il prossimo campionato, quello dopo ancora andremo in A. Poi dipende da chi acquista il Palermo, che programmi ha la nuova proprietà, ma se si continua con questa politica so già come finirà".