Conference: Leicester; Rodgers, contro Roma possiamo farcela

'Giocare in casa per loro può essere svantaggio, c'è pressione'

Solutions Manager
  • 'Giocare in casa per loro può essere svantaggio, c'è pressione'
  • (ANSA) - ROMA, 04 MAG - "Vogliamo mostrare lo stesso carattere che abbiamo utilizzato per arrivare fino a questo punto. Dobbiamo mettere in campo la stessa mentalità vista contro il Rennes e il PSV Eindhoven (in Olanda, nei quarti ha vinto fuori casa ndr). La Roma avrà il proprio pubblico a spingerla, in più sono molto bravi a giocare in contropiede ed è su questo che dovremo essere sempre concentrati". Così, alla vigilia della semifinale di ritorno della Conference League, il tecnico del Leicester Brendan Rodgers.
        Ma per la Roma è un vantaggio giocare il ritorno all'Olimpico? "In realtà potrebbe essere anche uno svantaggio - risponde il manager delle Foxes - perché prima di scendere in campo dovranno fare i conti con la pressione di tutto l'ambiente. Allo stesso tempo chiaramente tutto questo può essere usato a proprio vantaggio. Non vedo l'ora di giocare all'Olimpico, e di avere quella compostezza e quella maturità necessarie per portare a termine il lavoro". E cosa dovrà fare il Leicester? "Tutto ciò che i miei dovranno fare è andare in campo e divertirsi. Le sfide contro PSV e Rennes per noi erano una novità - spiega Rodgers -, questo invece è un altro passo verso la maturazione di una squadra giovane Abbiamo dimostrato che possiamo farcela.
        Andremo in campo senza paura e per vincere la partita, ecco quale sarà la nostra mentalità. Voglio che i giocatori imparino da questa esperienza, è bello sentirli parlare di questa partita, si sente la fame che hanno. Ci siamo meritati questo risultato nel tempo, ora vogliamo fare il passo successivo e andare in finale". Ci sono indisponibili? Nessuno, si è allenato anche Vardy e potrà essere della partita".
        Ma è vero che ha fatto un regalo a Mourinho? "Sì, una tazza da the. L'ho fatto per ringraziarlo di tutto ciò che ha fatto per me quando ero un giovane allenatore". (ANSA).