Colpo del City, ufficiale l'arrivo di Haaland

Talento norvegese faceva gola a tutta Europa

Solutions Manager
  • Talento norvegese faceva gola a tutta Europa
  •  I rumors di mercato delle ultime settimane hanno trovato conferma nel pomeriggio di martedì, quando il Manchester City ha ufficializzato l'acquisto dell'attaccante norvegese Erling Haaland, che arriverà in estate dal Borussia Dortmund per 60 milioni di euro. Finalmente Pep Guardiola è stato accontentato: dopo l'addio la scorsa estate di Sergio Aguero, i Citizens non erano riusciti a sostituirlo con Harry Kane, bloccato dal presidente del Tottenham, costringendo il manager catalano a soluzioni tattiche improvvisate. Dalla prossima stagione, viceversa, Guardiola potrà contare su una delle più grandi promesse del calcio europeo, già protagonista in Bundesliga come in Champions League all'età di 21 anni (è diventato il più giovane attaccante a raggiungere 20 gol nella massima competizione europea). L'ultimo tassello di un puzzle di prestigio che tra i tifosi del City ci si augura possa finalmente centrare il traguardo più ambito, la Champions League. "Possiamo confermare di aver raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Erling Haaland", ha confermato oggi un portavoce dei Citizens. Dopo gli esordi con il club norvegese Molde (allenato all'epoca dall'ex Manchester United Ole Gunnar Solskjaer), Haaland è esploso con la maglia del Red Bull Salisburgo, prima del trasferimento nel 2020 al Borussia Dortmund con cui ha messo a segno 85 gol in 88 presenze. A Manchester sono convinti di aver concluso l'affare del secolo, e non solo per l'investimento (relativamente) contenuto per assicurarsi un talento ambito da mezza Europa: Haaland, che guadagnerà oltre 13 milioni annui per le prossime cinque stagioni, viene considerato il solista ideale per lo spartito di Guardiola. Al di là del sontuoso ingaggio, per il norvegese si è trattato anche di una scelta affettiva, dal momento che suo padre Alf-Inge aveva indossato la maglia del club inglese dal 2000 al 2003 prima di altre esperienze inglesi (Leeds e Nottingham Forrest).