Champions: Uefa si scusa con tifosi per caos finale Parigi

Commissionato rapporto per individuare responsabilità dei fatti

Solutions Manager
  • Commissionato rapporto per individuare responsabilità dei fatti
  • (ANSA) - ROMA, 03 GIU - La Uefa si scusa con tutti i tifosi rimasti coinvolti nel caos, e negli incidenti, ai cancelli dello Stade de France, in occasione della finale di Champions League, Liverpool-Real Madrid, di sabato scorso.
        Lo fa con un comunicato in cui viene sottolineato che "la Uefa desidera scusarsi sinceramente con tutti gli spettatori che hanno vissuto o assistito a eventi spaventosi e angoscianti prima della finale di Champions League del 28 maggio 2022 allo Stade de France di Parigi, in una serata che doveva essere una festa del calcio europeo per club. Nessun tifoso dovrebbe mai essere messo in una situazione del genere, che non deve ripetersi".
        Per questo l'ente del calcio europeo precisa di aver "commissionato un Rapporto indipendente per identificare le mancanze e le responsabilità di tutte le entità coinvolte nell'organizzazione della finale. Il Rapporto indipendente, che sarà guidato dal Dr. Tiago Brandão Rodrigues (Portogallo), intende comprendere l'accaduto nella preparazione della finale e le lezioni da apprendere per fare in modo che non si ripetano le azioni e i fatti di quella serata". Per questo si "cercherà di definire un quadro completo e una cronologia di ciò che è accaduto - è scritto ancora nella nota - durante la giornata, sia all'interno dello stadio che nelle aree circostanti, esaminando anche i flussi di spettatori verso lo stadio nei vari punti di accesso. Esaminerà inoltre tutti i piani operativi relativi a sicurezza, mobilità e biglietteria (più altri, a discrezione del responsabile del Rapporto) nonché la programmazione e la preparazione degli enti coinvolti per l'allestimento della finale, anche in altri punti come quelli di incontro per i tifosi del Liverpool FC e del Real Madrid CF. Il Rapporto Indipendente mira a identificare eventuali problematiche o lacune nell'attuazione e nella gestione delle operazioni e a valutare i ruoli e le responsabilità di tutte le entità coinvolte e l'adeguatezza della loro risposta agli eventi". (ANSA).