Esselunga, dopo il no ai cinesi la famiglia Caprotti vuole quotarla in Borsa

Esselunga, dopo il no ai cinesi la famiglia Caprotti vuole quotarla in Borsa

<p>Dopo il no all&#8217;offerta del gruppo cinese Yida Investment, Esselunga punta alla quotazione in Borsa. Gli eredi di Bernardo Caprotti, tra cui Giuliana Albera e sua figlia Marina che hanno la quota di controllo della catena di supermercati, hanno infatti raggiunto un accordo per il riassetto. Che porterà come obiettivo finale alla quotazione di Esselunga [&#8230;]</p> <p>L'articolo <a href="https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/06/21/esselunga-dopo-il-no-ai-cinesi-la-famiglia-caprotti-vuole-quotarla-in-borsa/3676735/" rel="nofollow">Esselunga, dopo il no ai cinesi la famiglia Caprotti vuole quotarla in Borsa</a> proviene da <a href="https://www.ilfattoquotidiano.it" rel="nofollow">Il Fatto Quotidiano</a>.</p>

Solutions Manager
  • Dopo il no all’offerta del gruppo cinese Yida Investment, Esselunga punta alla quotazione in Borsa. Gli eredi di Bernardo Caprotti, tra cui Giuliana Albera e sua figlia Marina che hanno la quota di controllo della catena di supermercati, hanno infatti raggiunto un accordo per il riassetto. Che porterà come obiettivo finale alla quotazione di Esselunga […]

    L'articolo Esselunga, dopo il no ai cinesi la famiglia Caprotti vuole quotarla in Borsa proviene da Il Fatto Quotidiano.